Il Verona Touch Rugby è una società sportiva dilettantistica fondata nel 2010 e milita nel Campionato Italiano di Touch Rugby.

Storia
I primi movimenti di touch nella città di Verona avvengono nel 2010 quando Valentina Barbarino, Diego Maggi, Francesco Maggi e Giordano Mascalzoni iniziano ad allenarsi al Percorso della Salute di S. Zeno (in Via Lega Veronese). È la location adatta dove muovere i primi passi e reclutare nuovi atleti.

La città di Verona si dimostra un bacino molto florido e i numeri crescono rapidamente, tanto che pochi mesi dopo (ottobre 2010) Verona Touch prende ufficialmente vita con la registrazione ufficiale della società presso l’Agenzia delle Entrate, al Coni e a Italia Touch.

66901_1600016327819_7215716_nNella stessa estate 4 atleti veronesi allora tesserati per la società Dragoni Milano (Brigida Allieri, Valentina Barbarino, Francesco Maggi, Giordano Mascalzoni), partecipano ai Campionati Europei 2010 a Bristol (Inghilterra) nella categoria Open Mixed, guidata nell’occasione da Diego Maggi (già allenatore del Verona), dimostrandosi al top nel panorama italiano.

54060_1678832258168_4722570_o
Gli Azzurri del Verona Touch ai Campionati Europei 2010

2011: La Prima Stagione
La prima stagione ufficiale avviene nel 2011 e vede subito Verona Touch protagonista a livello nazionale, ottenendo a sorpresa il 3º posto nel Campionato Italiano, la Finale della Coppa Italia e il 6º posto ai Campionati Europei per Club.

Anche grazie a queste prestazioni di squadra, tre atleti del Verona Touch (Valentina Barbarino, Lamonica Alessandro e Mascalzoni Giordano) ricevono la convocazione per giocare la Coppa del Mondo 2011 a Edimburgo (Scozia).

Pochi mesi dopo Verona Touch si riassesta cambiando Direttivo e guida tecnica; al termine della stagione (ottobre 2011), a prova dell’ottimo lavoro svolto, arriva il primo successo ufficiale con la vittoria della Novello Cup 2011.

2012: L’anno della consacrazione
La vittoria della Novello Cup 2011 è l’inizio di un ciclo che vede Verona Touch dominare nel panorama nazionale: ad inizio 2012 arriva la vittoria della Carnival Cup (il campionato invernale) e a settembre, al termine di un’esaltante stagione, Verona Touch si laurea Campione d’Italia e conquista il primo Scudetto della sua storia.

37043832_211446909515221_643386564797267968_n
Il Verona Touch Campione d’Italia 2012

A settembre, otto atleti del Verona Touch partecipano ai Campionati Europei 2012 disputati a Treviso dove la Nazionale Italiana Senior Mixed, guidata dal tecnico veronese e con la partecipazione di sei atleti gialloblù, ottiene il bronzo superando l’Irlanda ai supplementari in quella che è stata una delle partite più emozionanti dell’intero europeo.

545968_361337133948697_82824659_n
Nazionale italiana Senior Mixed – Medaglia di Bronzo agli Europei 2012

2013: Prime esperienze all’estero
Il 2013 è stato l’anno del debutto internazionale con la partecipazione a tornei di prestigio come Nizza (Francia), Berlino (Germania) e Grenoble (Francia), pur mantenendo ancora alto il livello di gioco nazionale con la vittoria dei tornei di Torino e Milano.

Verona Touch, pur partendo all’esterno delle top 4, alle Finali del Campionato Italiano Touch 2013 ottiene un buon terzo posto, fermati in semifinale dagli Orange Belluno che poi vinceranno lo Scudetto.

2014: Verona centro internazionale
Nel 2014 , non potendo effettuare le trasferte internazionali, Verona Touch s’è reso protagonista dell’organizzazione di un fantastico torneo (Novello Cup 2014) che ha richiamato sul territorio scaligero numerose franchige estere. Alle 7 squadre straniere si sono aggiunte 11 formazioni italiane che hanno fatto diventare la Novello Cup 2014 il più grosso torneo per club organizzato in Italia. La vittoria finale è andata ai London Ocelots.

10172566_10152400347276224_7867369636888198206_n

Nel panorama nazionale, Verona Touch rientra nelle top 4 del ranking e alle Finali del Campionato Italiano Touch 2014 di Fontanafredda ottiene un buon terzo posto, fermati in semifinale dai Bandiga Rovigo (e dai numerosi infortuni). Sempre nel 2014 tre atleti gialloblù partecipano ai Campionati Europei 2014 disputati a Swansea (Galles). Giordano Mascalzoni e Alessandro Lamonica nella categoria Open Mixed, Marcello Bino nella categoria Over 40. Ottima la prestazione della Open Mixed (allenata da Giordano Mascalzoni) che ottiene uno storico 7º posto, grazie al primo posto ottenuto nel seeding pool.

Dopo tre anni alla guida tecnica del Verona Touch, nel finale di stagione l’allenatore Giordano Mascalzoni rassegna le dimissioni per motivi familiari; il Direttivo del Verona Touch individua in Clarke Puru (Nuova Zelanda) la nuova guida.

2015 – 2016: La ripartenza

Complici le numerose gravidanze delle giocatrici, inizia un periodo complicato per il Verona Touch, che vede temporaneamente ridotta la componente femminile della squadra. Inoltre, il nuovo allenatore Clarke Puru, dopo pochi mesi di attività viene richiamato in patria e a partire da Marzo la gestione tecnica della squadra passa in mano ad Alessandro Lamonica, già capitano del Verona Touch. Anche se in condizioni a volte precarie, il Verona Touch dimostra grande orgoglio dando sempre il massimo in tutte le uscite dell’anno. La stagione si conclude con un dodicesimo posto alle finali giocate al mitico stadio Battaglini di Rovigo.

Il lavoro dell’allenatore è solo agli inizi, e i primi frutti iniziano a farsi vedere nella stagione 2015-2016, quando i nuovi meccanismi di gioco richiesti da coach Lamonica iniziano a funzionare. Arrivano anche nuovi giocatori e il gruppo comincia a crescere. Durante l’anno vengono disputate degli eccellenti tornei, a cui manca sempre un niente per raggiungere la vittoria. Purtroppo le finali sono avare di soddisfazione, dato che la stagione termina con un undicesimo posto, che bissa il posizionamento dell’annata precedente.

Ultimi anni

Dalla stagione 2016-2017, Verona Touch stringe un accordo con i Lupos Rugby Club e si trasferisce nella nuova sede a Palazzina. La nuova sede porta anche un po’ di visibilità in più e l’ingresso di nuovi giocatori che portano un bel ricambio al gruppo storico. Durante la stagione la squadra ottiene bei risultati, che sono confermati dall’eccellente sesto posto finale.

L’annata 2017-2018 vede di nuovo allargare le fila della rosa gialloblu, grazie alle nascite di nuovi futuri touchers, che però impongono alle madri degli stop forzati. Ben sapendo cosa questo avrebbe comportato dal punto di vista sportivo, la stagione è disputata in maniera rilassata, senza obiettivi particolari. Nonostante le difficoltà e i pochi tornei disputati, quando chiamati in causa, tutti i giocatori dimostrano sempre grande senso di appartenenza. Alle finali di giugno, si raggiunge nuovamente il tredicesimo posto.

Nell’annata 2018-2019 la rosa è nuovamente al completo, e si è anche ringiovanita, con l’inserimento di alcuni giocatori che rientrano nel progetto Under23, la selezione dei migliori giovani italiani che dovranno diventare nei prossimi anni la colonna portante del gioco. Durante il mese di aprile inoltre, Marcello Bino partecipa ai campionati mondiali in Malesia, nella categoria Over 40, raggiungendo un ottimo ottavo posto.

La squadra è sempre guidata da coach Lamonica, che capisce prima di tutti che la stagione permetterà di togliersi parecchie soddisfazioni. Dopo un’annata di basso profilo, tra cui però spicca il secondo posto al torneo di Varese, il Verona Touch si presenta alle finali abbastanza sottovalutato, ma sfoderando delle eccellenti performance arriva a giocarsi l’accesso ai quarti, perdendo al supplementare dopo un’emozionante partita. Alla fine si posiziona al settimo posto assoluto, ma con un’enorme convinzione nei propri mezzi, che fa ben sperare per il futuro.